Il giorno dopo “Il giorno dopo”, il romanzo d’esordio di Andrea Iacomin, uscito nella collana “ombre” per Edizioni Ponte Sisto, è stato presentato il 14 maggio al 29esimo Salone del Libro di Torino presso lo stand del Friuli Venezia Giulia su invito del Premio Giornalistico Internazionale Marco Luchetta. Nelle librerie dal 16 maggio. Considerando le prenotazioni, si annuncia un grande successo…

Il romanzo è ambientato su una panchina di Villa Borghese su cui il protagonista decide di rifugiarsi dopo aver ricevuto una proposta politica cui è molto difficile rinunciare. Ne consegue una lunga riflessione introspettiva che ripercorre gli attimi salienti della sua vita, le paure, le manie, il lungo e deludente impegno politico (tratto direttamente da un’esperienza personale dello scrittore tra cui un incontro giovanile con Matteo Renzi) per poi concludersi con l’impegno umanitario, la riflessione sulle guerre, sulla povertà, il viaggio nel campo profughi di Zaatari e l’innamoramento per la giovane volontaria siriana, Iman, che gli svela il segreto del “Giorno Dopo”, della scelta giusta, dell’esempio da seguire. La decisione finale, dopo l’esperienza in Giordania, scaturisce dalla lettura di una intensa lettera dal grande impatto emotivo di una madre siriana lasciata sulla bara del suo bambino affogato in mare dopo un naufragio sulle coste del Mediterraneo inviata ad Enrico da un amico scrittore.

Annunci