5438713Cinquanta personaggi scelti dall’autore tra figure illustri, come lo sceneggiatore e poeta Tonino Guerra, la scrittrice Dacia Maraini e il cestista Andrea Bargnani; personaggi ingiustamente dimenticati, come l’attore Lino Capolicchio e il calciatore Antonio Juliano; personaggi che, a parere dello scrittore, non hanno ottenuto il meritato riconoscimento, a causa del loro essere sempre controcorrente, come Francesco Coniglio o Gianpiero Mughini. Altri personaggi sono al contrario uomini non illustri, degli sconosciuti che però si sono distinti per professionalità e senso del dovere, come nel caso del primario Massimo Fioranelli o l’attivista di Amnesty International Riccardo Noury. Una sorta di amarcord dell’autore che pesca nella sua memoria i ricordi di persone incontrate nel corso della vita. Se fosse soltanto una galleria di ritratti di contemporanei, I differenti di Giuliano Compagno sarebbe null’altro che una compilazione di racconti brevissimi, dedicati a donne e uomini dei nostri giorni. E invece a unire la cinquantina di nomi nel medesimo paradigma della differenza interverranno sempre uno scatto, una curva o una sfumatura capaci di mutare il corso di quelle singolari esistenze in qualcos’altro di imprevisto.

Annunci