AstolfiRadio Città del Capo, nella rubrica L’assassino è il maggiordomo, ha recensito Casilina. Ultima fermata. Il romanzo di Enrico Astolfi, arrivato alla seconda ristampa e pubblicato da Edizioni Ponte Sisto nella collana Ombre, è un noir urbano di grande intensità che racconta le vicende de il Grigio e di Roy in un quartiere di Roma: il Pigneto.

Sia Roy che il Grigio sono due personaggi reali. Franco, il Grigio, è un delinquente di borgata che, appena uscito di galera dove era finito per aver massacrato di botte una cassiera durante una rapina, in cerca una nuova identità. Una volta fuori, però, trova il suo quartiere, la sua dimensione familiare, il suo quotidiano completamente stravolti e viene inghiottito in una dimensione parallela. Inevitabilmente deve costruirsi una nuova identità, darsi obbiettivi, e combattere. Si muove tra realtà ed irrealtà, visioni pseudo religiose, ricordi, allucinazioni, sino al finale, sino al gesto estremo. Roy invece è più rassicurante ed è stata utilizzata dall’autore per bilanciare la figura di Franco. Roy Van Persie è un olandese innamorato dell’Italia, che ogni anno utilizza le due settimane di ferie per aiutare associazioni di volontariato che recuperano cani randagi. Ogni estate una città diversa, una nuova missione. Sotto al sole dei primi giorni di Agosto carica il suo furgone, lo riempie di materiale, poi si mette comodo e parte.

Annunci